BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887

BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887

Informazioni su igor

La mia Hornetsmania comincia nel 1994, quando sui campi della NBA esisteva la squadra più strana e simpatica della Lega, capace di andare a vincere anche su campi ritenuti impossibili. Il simbolo, il piccolo "Muggsy" Bogues, il giocatore più minuscolo di sempre nella NBA (che è anche quello con più "cuore"), la potenza di Grandmama, alias Larry Johnson, le facce di Alonzo Mourning e l'armonia presente nella balistica di Dell Curry, sono gli ingredienti che determinano la mia immutabile scelta.

OperaziHornets

Pubblicato il da
 
 
Aggiustramenti e piccole operazioni nel “mercato” di Charlotte.
Ray McCallum è un nuovo giocatore degli Hornets.
 
Ray è un playmaker di 191 cm per 86 kg nato a Detroit il 12 giugno 1991.
Nella sua carriera NBA ha girato tra Sacramento, San Antonio e Memphis.
 
Attualmente giocava per i Grand Rapids Drive, franchigia della NBA Development League situata a Walker, nel Michigan, “gemellata” con i Detroit Pistons.
Tagliato a sorpresa proprio dai Pistoni a metà di questa prestagione, per il Finals MVP NBA Summer League Las Vegas (2014) si dischiudono nuovamente le porte della NBA grazie a un contratto da 10 giorni.

Un buzzer beater a un decimo dalla fine in prestagione di McCallum.

Forse ci sarà la possibilità d’esordire (Roberts e Clifford permettendo) con la quarta squadra NBA giacché dall’operazione McCallum, si passa alla meno simpatcia possibilità d’operazione per Ramon Sessions (stesso ruolo) che si è infortunato.
Non si capisce ancora bene l’entità del danno, ma pare che il menisco laterale del ginocchio sinistro si sia strappato e non sono previsti tempi di rientro certi.
 
A poche ore dalla partita di Salt Lake City contro i Jazz, Kemba pare aver la febbre e la sua presenza è incerta, spazio quindi a Roberts se dovesse mancare anche il play titolare con Kaminsky nel ruolo di centro da starter dopo le perdite di Hawes e Hibbert.
 
Non una grande prospettiva per stasera ma ogni gara ha storia a se.
Off-Topics
Dedicato ai fenomeni (o magari sempre lo stesso che cambia e-mail) che mi stanno scrivendo commenti ignoranti…
Amici di quello che mi aveva scritto qualche giorno fa il primo…
Ma per caso…

 

 

 

 

 

BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887

Pubblicato il da
L’accordo è ufficiale, da poco.
Più che una pietra miliare (milestone), non volendo scrivere di una pietra tombale, diciamo che è una pietra rotolante, di quelle che rotolano giù a valle.
Un pesante macigno forse sulle ambizioni degli Hornets per questa stagione.
Se Melo come secondo scorer, per toglier pressione a Kemba è sogno irraggiungibile, con le già citate e più quotate Cleveland, Los Angeles (sponda Velieri) e Boston alla finestra, in questi giorni si era scritto di un Ibaka lasciato libero a Orlando.
Per Clifford sarebbe il giocatore perfetto, per la sua idea di difesa con una squadra che al momento latita in questo fondamentale aspetto…
Invece è arrivato Miles Plumlee acquistato dal GM Rich Cho.
BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887BD22 SCARPE SCARPE SCARPE DONNA 36 STRINGATE DERBY BALDININI NERO 100% PELLE MADE IN ITALY c02887
Condizione:
Nuovo con scatola: Oggetto nuovo, non usato e non indossato, nella confezione originale (scatola o borsa) e/o con ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: BALDININI
PREZZO LISTINI: €389,00 Materiale: 100% pelle
Allacciatura: Stringhe Occasione: Casual
Colore principale: NERO Paese di origine: Italia
Numero: 36 EAN: Non applicabile
 
Chi è costui?
 
Miles (Christian) Plumlee, nato a Fort Wayne (Indiana), è il fratello maggiore (due anni in più) del Mason di Portland, ed è un nuovo giocatore degli Charlotte Hornets.
In cambio, Milwaukee (che taglierà Steve Novak), detentrice del “cartellino”, riceverà Roy Hibbert e Spencer Hawes più “cash considerations”.
Miles è un centro di 211 cm e ha 28 anni (nato il primo settembre 1988).
Quest’anno ha giocato 32 partite partendo 12 volte come titolare. Miles ha iniziato nella NBA con gli Indiana Pacers, poi ha giocato per i Phoenix Suns e attualmente era ai Bucks.
La sua migliore stagione è stata quella del 2013-14 con i Suns, quando ha tenuto una media di 8,1 punti e 7,8 rimbalzi.
Premesso che trovo l’affare piuttosto marginale dal punto di vista tecnico, lo trovo abbastanza sconveniente dal punto di vista economico e assurdo da quello dell’utilità.
Mi spiego meglio… partiamo dall’utilità.
Per utilità intendo dire che, giacché Charlotte sarebbe stata costruita per partecipare ai Playoffs, quindi possibilmente avere un record vincente, oggi, nella condizione particolare nella quale siamo finiti, sei sconfitte consecutive e ormai ai bordi dei Playoffs (che comunque ci vedrebbero eventualmente uscire ben presto contro Cleveland), la prima operazione di Cho sul “mercato di riparazione” è stata pessima.
Pessima, non solo perché Miles Plumlee è giocatore che ha poco minutaggio (in una sola occasione quest’anno ha superato i 20 minuti ed era il 3 novembre), ma perché a noi serve qualcosa che faccia la differenza, pronto e possibilmente subito.
Recentemente si è ritagliato qualche minuto ma le sue statistiche non sono fantastiche.
In 9,7 minuti giocati di media ha a referto 2,6 punti, 1,7 rimbalzi, 0,6 assist, 0,3 stoppate e il 62,9% ai liberi.

Le statistiche di Miles Plumlee in NBA.

Marginale appunto si diceva nonostante Cho si dica eccitato per la sua fisicità, l’abilità a rimbalzo e l’etica professionale.
E’ vero che Hibbert ha deluso, gioca poco (anche per problemi a un ginocchio e non so se rimarrà ancora molto in NBA a causa di questi dolori) e raramente bene.
Non è riuscito a essere il rim protector desiderato dopo la buona partenza a Milwaukee (chissà che in Wisconsin abbiano visto solo quella di partita del buon Roy?), è altresì vero che se Hawes porta punti, in difesa è sponsorizzato Telepass ultimamente, inoltre le percentuali da tre sono crollate sotto l’effetto di una tecnica di tiro da fuori, completamente da rivedere.
A chi giova questa trade?
Dal punto di vista tecnico non credo che Plumlee, cifre alla mano (spero di sbagliarmi), non possa portare grandi miglioramenti alla causa degli Hornets, con il rientro di Zeller giocherà dietro di lui.
Charlotte sicuramente voleva qualcosa di più atletico rispetto al zampettante Cervo Hawes e al pachidermico Hibbert.
Da quest’angolazione, per ipotesi euristica, Charlotte avrebbe fatto un affare, poiché, se Plumlee giocasse con voglia e intensità, non sarebbe certo compagno degli zombie vaganti sotto il canestro (Hibbert e Hawes) visti recentemente.
H&H da Hero Quest quindi out, dentro M.P., peccato non via sia una V in mezzo…

Dal punto di vista economico Milwaukee fa un affare liberandosi del contratto quadriennale del fratello meno nobile dei Plumlee. Già, perché i 12,5 milioni a stagione per quattro anni sono ben cinquanta milioni per un giocatore che non sembrerebbe valerli, salvo miracolose riabilitazioni dalle parti di Charlotte.
Hibbert costava cinque milioni (contratto in scadenza), mentre Hawes avrebbe avuto due anni di contratto; quest’anno 6,3 mil., la stagione prossima 6,0 mil., in diminuzione.
Paradossalmente gli Hornets superano il salary cap e prendendosi questo contratto potrebbero avere di più da spendere come MLE (mid level-exception) durante la prossima stagione non attiva.

Grazie a Paolo Motta per avermi indirizzato su questo dettaglio.

Stivale cuissard nero Stile ciclista Donna Taglia IT 38 Stivale alto Pelle,Bare Traps Womens SAKARI Closed Toe Ankle Fashion Boots,[TG.39] HIS - 28825, Stivali bassi con imbottitura leggera Donna,Vans Brigata Classic deck club true white Gr.45,[TG.40] Marc O'Polo - 70313881903105 Sandal, Sandali Donna,'Ladies Clarks' Lace Up Casual Shoes - Alexa Darcy,SNEAKER DONNA CALVIN KLEIN TADA MESH BLACK RIALZO Cm 4Semler Frida, Stivaletti Biker Donna, Nero (Schwarz 001), 37.5 EU ScarpeMarrone 40 Clarks Freckle Ice 20352930, Ballerine donna, (Braun (Dark Tan (m64),DR. MARTENS donna woman shoes stivaletto viola EU 37 - 277 G26SJP by Sarah Jessica Parker Womens Fawn 70 Closed-Toe Pumps Blue (Abyss 412),Nero 40 EU AgeeMi Shoes Donna Punta Tonda Scamosciati Tacco Basso (3tw)Puma Trinomic Blaze of Glory x Swash W London Womens Trainers 358862 01 U119NEW Skechers Womens GO Walk 3 GOga Mat Walking Shoes Trainers - INSIGHT Charcoal,Retro-03 Funtasma Frauen Riemchenpumps schwarz rot Satin und Spitze Größen 36-43Rieker rv-stiefel 94610 14 eh483034, blu marino/Oceano/Oceano (Blu),Long Tall Sally Schwarz Schnur Stiefelette, Wildleder-Optik Leder Futter Gr. 45,UGG scarpe campionario shoes woman donna imbottito viola EU 38 - 596 L45,BIRKENSTOCK ARIZONA BS 57623 Shiny Snake Cream ciabatte donna fibbie multicolore,SCARPE FitFlop™ FLIP LEATHER SANDAL Infradito Nuove NER54795 SCARPE FASHION DO,Panter 447041700 - 247 s3 dimensioni collegamento diamante nero 35,BPZONE Sandalen TAMPO + TAMPO Y4901 weiss Leder Gr.36,Sneakers Converse Donna - (144744C),(TG. 37 EU) TBS Scarpe Stringate Donna, Blu (Blu (Marine)), 37 EU (d3Y)BIRKENSTOCK // Malari // Graceful hibiscus Red Womens Sandals // NEW!!!,Fornarina Peep Toes Pumps braun Leder Textil MILLY PEFXL7774WTA2 Gr.36,Skechers 52180 Flex Advantage 2.0 Men Memory Foam Sneaker,NIKE donna Air Zoom struttura 20 Scarpe Numeri 6.5 grigio antracite 849577 006[TG.40] Marco Tozzi 23729, Scarpe Oxford Donna,Studio W SEXY High Heel Gladiator SANDALETTE NEU Gr. 40 in rot & Velours Leder,
A Charlotte comunque mancano un giocatore in post basso che possa attrarre l’attenzione e fare gioco dentro fuori (vedi il Jefferson dello scorso anno), un incursore e playmaker dalla panchina e un 4 o un 5 (eventualmente da invertir con Zeller) che sappia difendere.
Gli arrivi estivi sono sembrati in maggior parte “cinesate” copie, più scarse (salviamo Belinelli che ha a altre caratterisiche rispetto ai ceduti) dei giocatori dello scorso anno dalle qualità migliori.
Qualcos’altro dovrebbe arrivare, in genere gli Hornets sono soliti muoversi per un paio di trade negli ultimi anni, il problema è il livello.
 
In ultimo da registrare un contratto da dieci giorni fatto firmare a Mike Tobey (vista la perdita di due centri), pivot bianco già visto in preseason, tagliato prima della stagione regolare.